martedì 31 luglio 2007

Novelli 'Odisseo' parte IV

Orbene, il viaggio alla ricerca del periplo della Speranza prosegue.
  • Atto sesto della novella Odissea:
Cercando di gestire la pazienza per inopportuni "domandatori" o mantenendo le distanze dai "motori", si cerca di capire come gli organizzatori di questo viaggio vacanza (per la verità poco spensierato) hanno organizzato il tutto.
I candidati, già divisi in scaglioni di orario, vengono ulteriormente suddivisi, sempre con criterio alfabetico, per agevolare le operazioni di identificazione. Ciò affinchè ai vari banchi non si affollino 26mila (e dico ventiseimila in senso letterale) forsennati e ansiosi candidati che agitano in aria la propria carta di identità.
Ebbene gli organizzatori hanno inventato il PIC alias la Postazione di Identificazione Candidato in corrispondenza della quale possono presentarsi solo i soggetti alfabeticamente segnalati.
In breve tempo riesco a vedere quale è il mio. Già la prima soddisfazione. Ciò rincuora circa la possibilità di svolgere un concorso fatto bene.
Nonostante la palese e totale inutilità del PIC ai fini di una buona prova o di una postazione ipoteticamente più vantaggiosa, spesso tra i candidati che ovviamente non si conoscono, avviene inspiegabilmente la seguente conversazione "Tu che PIC hai?" ... "Ah, io invece ho il numero x peccato".
Cui prodest?
  • Atto settimo della novella Odissea:
All'orario stabilito, tramite un altoparlante muto (una rarità tecnologica), viene comunicato che inizieranno le operazioni al fini di indirizzare i candidati.
E le operazioni iniziano al di là della portacarraia in fondo all'angar a sinistra.
I Candidati che mentre occupavano l'angar citato sembravano quasi speranze cui mancavano solo le ali, vengono trasformati in un attimo in una mandria di nervosi bovini.
Così, appena la porta carraia si solleva ha inizio la transumanza.
Nonostante che la porta sia larga almeno 5 metri, non è mai sembrata così inadeguata a far passare la mandria di sbuffanti candidati.
  • Atto ottavo della novella Odissea:
La Postazione di Individuazione del Candidato.
Cerchi il banco con numero PIC corrispondente al tuo. Ti rechi colà. Fornisci il tuo documento di identificazione.
Ti danno una busta, cartoncino identificativo da loro firmato, firmi anche tu, ti restituiscono documento di identità o equipollente da te precedentemente fornito...
E ben venuti in sala di aspetto.

1 commento:

Selima ha detto...

Great work.